Tutti i tipi di intonaco secondo DIN

DIN ha portato un po 'di ordine e sistema nella varietà ingestibile di diversi tipi di intonaco. Come gli intonaci sono classificati nella DIN e quali standard si applicano ai singoli tipi di intonaco, puoi leggere in questo articolo in dettaglio.

Sistema di classificazione DIN

DIN V 18550 e DIN EN 13279 dividono gli intonaci in diversi gruppi. In entrambi i casi, il criterio di classificazione è il tipo di materiale di cui è composto l'intonaco. Inoltre, il rapporto tra legante e additivi è fondamentale.

Esclusi da questa classificazione sono l'intonaco di resina sintetica, che regola la DIN 18558. Qui si applicano requisiti separati, poiché gli intonaci a base di resina sintetica sono fondamentalmente diversi nel design dai cerotti classici. Auc1h il metodo di produzione e utilizzo è diverso.

DIN 18550

Qui una divisione degli intonaci in quattro gruppi di base, che sono quindi ancora suddivisi. I singoli gruppi sono designati con numeri romani da I a IV, la suddivisione dei gruppi è fatta con lettere minuscole.

Il gruppo I (o P I) comprende tutti gli intonaci in cui l'idrato di calce o la calce idraulica sono utilizzati in proporzioni diverse. Sottogruppi a, bec c ciascuno indicano malta di calce aerea, malta di calce e malta di calce idraulica in questo ordine.

Il gruppo P II comprende tutte le malte in cui si mescolano calce e cemento. In generale, il rapporto di miscelazione è di 2 parti di calce su un cemento della parte stanza, inoltre vi è un diverso numero di parti di stanza di sabbia (aggregato).

Il gruppo P III comprende tutta la malta cementizia pura. Di nuovo, la quantità di aggregato è variabile, ma la regola è di 3 o 4 parti di sabbia su una parte di una stanza di cemento.

Il gruppo P IV comprende tutte le malte di gesso. La suddivisione è più estesa qui. La suddivisione comprende da un lato l'intonaco (IV a) e la malta di gesso (IV b). D'altra parte, una malta di gesso (IV c) e una malta di intonaco di calce (IV c) è ancora diversa, per la quale sono fissati i rapporti di miscelazione dei componenti.

DIN EN 13279

DIN EN 13279 divide gli intonaci in un totale di sette gruppi. Sono chiamati numeri latini - da B1 a B7.
Tuttavia, la classificazione della DIN EN 13279 si applica solo all'intonaco in gesso. Il nome esatto in questo caso è la malta secca di gesso.

In senso stretto, si tratta quindi di un'estensione del gruppo P IV della DIN 18550.

Il gruppo B1, così come il gruppo B2, designa tutta la malta secca di gesso contenente meno del 5% di calce. Il contenuto di solfato di calcio è superiore o inferiore al 50%.

Al contrario, il gruppo B3 si riferisce a tutti gli intonaci con un'alta percentuale di calce, i gruppi da B4 a B7 comprendono tutti gli intonaci leggeri contenenti aggregati inorganici o aggregati leggeri. Ognuno ha proprietà diverse. Ad esempio, il gruppo B7 ha una durezza superficiale particolarmente elevata.

Altra classificazione

Inoltre, è possibile classificare l'intonaco in base al tipo di utilizzo, ovvero come rivestimento o risciacquo, come intonaco termoisolante o intonaco interno o esterno, ciascuno con resistenza all'abrasione più alta o più bassa. Questa classificazione non è standardizzata nella norma DIN.

Scheda Video: Intonachino al silicato Clima ELF 1808