La sottostruttura del balcone


La sottostruttura del balcone decide in modo decisivo sulla longevità del balcone. Ma influenza anche la scelta della pavimentazione utilizzata e della sua costruzione. In questa guida ti informeremo sulle diverse varianti disponibili sulla sottostruttura sul balcone.

La rispettiva sottostruttura dipende dalla costruzione del balcone

La sottostruttura del balcone non è altro che la piastra inferiore del balcone. Indipendentemente dal tipo di balcone ora fornito, la sottostruttura è sempre multi-strato, quindi è una struttura composita. Le diverse sottostrutture possono anche essere differenziate in base alla rispettiva costruzione del balcone:

  • Cantilever (balcone sporgente)
  • balcone intento
  • balcone coltivazione
  • loggia

Sottostruttura della loggia

L'eccezione è la loggia del balcone, la cui sottostruttura corrisponde solitamente a quella del controsoffitto in cemento del pavimento dell'edificio, sul quale si trova la loggia. La loggia è un balcone che esiste all'interno dell'edificio.

Sottostruttura per balcone intenzionale o annessa

I balconi collegati e annessi sono ciascuno un balcone da coltivare. All'inizio non esiste un collegamento diretto con la facciata. A questo, i balconi sono semplicemente attaccati o ancorati.

Pertanto, le sottostrutture di questi balconi sono solitamente realizzate interamente in legno, metallo o una loro combinazione:

  • telaio metallico
  • Traverse in metallo
  • su di esso travi portanti in legno
  • su di esso il pavimento di legno

Sottostruttura a Kragplatte (lastra di cemento)

Il pannello a sbalzo, d'altra parte, rappresenta una lastra di cemento che sporge dalla facciata. Con i ferri in cemento e i balconi più recenti per il disaccoppiamento termico con Isokorb, le lastre di cemento sono collegate al pavimento in cemento del rispettivo piano.

Proprietà termiche del cantilever

Anche la presenza di un disaccoppiamento termico dalla facciata significa che la piastra a sbalzo deve tenere conto delle diverse proprietà e influenze. Quindi il cantilever agisce letteralmente come una pinna di raffreddamento su un dissipatore di calore. Come la pinna di raffreddamento, rimuove il calore dall'interno del corpo (in questo caso l'edificio) e lo dissipa.

Costruzione del vero balcone lastra di cemento armato (cantilever)

Ma questo è alle nostre latitudini un effetto indesiderato, perché ovviamente il costo dell'energia per il riscaldamento. Pertanto, i balconi moderni sono dotati di un cosiddetto Isokorb. Questo disaccoppia il soffitto di cemento dalla lastra di cemento del balcone. La lastra di cemento non è ancora protetta.

Sul cemento arriva dopo aver separato uno strato protettivo

In una posizione esposta sulla facciata, tuttavia, le condizioni meteorologiche hanno un impatto enorme sul cantilever. Pertanto, la lastra di cemento armato è dotata di uno strato protettivo, anch'esso inclinato. Questo è un massetto per balconi o massetto a gradiente. Tuttavia, poiché entrambi i materiali da costruzione (calcestruzzo e massetto) reagiscono in modo diverso alle influenze termiche (freddo, calore), la lastra del massetto deve essere costruita in modo scorrevole.

Il massetto subisce una pendenza per il drenaggio

Pertanto, tra la soletta e il massetto in calcestruzzo viene installato uno strato di separazione o scorrimento. Di solito un film plastico sigillante. La pendenza del massetto è compresa tra almeno 1,5 e un massimo del 2 percento per garantire un drenaggio ottimale della soletta del balcone. Ora lo strato di massetto è uno strato protettivo per il calcestruzzo, ma allo stesso tempo vale la pena proteggersi.

L'ulteriore sottostruttura dal massetto: piastrelle

Pertanto, ora è possibile procedere diversamente. Sul massetto arriva un rivestimento sigillante, su di esso sono posate le piastrelle. La pendenza è mantenuta dalla superficie della piastrella, il drenaggio è quindi superficiale. Questo non è ottimale, perché la malta viene risciacquata. Pertanto, vi è un altro tipo di costruzione sotterranea.

L'ulteriore sottostruttura dal massetto: tappetino di scarico e posa lastra sciolta

Di conseguenza, ora anche uno strato di tenuta viene posato sul massetto. Questo è anche un tappetino di drenaggio. Su questo punto di scarico i cuscinetti sono ora distribuiti (piedistallo o malta). Le lastre sono ora disposte liberamente su questi cuscinetti. Allo stesso tempo, i cuscinetti possono essere livellati. I cuscinetti del piedistallo sono regolabili in altezza, con cuscinetti a malta, l'anello di supporto in plastica è riempito a vari livelli con malta umida.

Principio del drenaggio

Per il cantilever è fatto prima di posare i piatti montando un balcone. Questa cornice è anche permeabile all'acqua, sotto la quale può quindi essere installata una grondaia. Tra le lastre del pavimento vagamente distese, l'acqua scorre ora sul tappetino di scarico e da qui nella grondaia.

Consigli e trucchi

Sotto la pavimentazione di un balcone, descriviamo la posa libera, ad esempio, delle lastre di cemento in dettaglio.


Scheda Video: Balaustra in vetro