Estendi le travi come un falegname

Quando si estende un raggio, è necessario creare una connessione stabile tra i due componenti. Poiché le travi assumono solitamente una funzione statica, deve sempre essere creata una connessione professionale per carpentieri. Sono disponibili quattro modelli classici, utilizzati dai falegnami per "calzare".

Gli effetti di forza determinano i tipi di connessione

Estendere spesso una trave di legno è una riparazione. Dopo aver rimosso le parti di travi danneggiate, friabili e marcescenti, montare una nuova parte sulla trave segata equivale a realizzare una connessione di lunghezza.

Nel caso di una calzatura eseguita professionalmente, come viene chiamata l'unione longitudinale nel linguaggio tecnico, la stabilità statica è centrata sulla natura della coda di rondine del raggio. In tal modo, devono essere prese in considerazione diverse forze possibili:

  • carico di appoggio
  • spinta
  • trazione
  • traslante
  • Potere di torsione e torsione

Quattro metodi di connessione classici

Per poter utilizzare il corretto collegamento longitudinale durante il ripristino di una trave di legno, è necessario osservare le proprietà dei quattro metodi comuni.

1. Colpo di foglia

Il tipo più semplice di collegamento longitudinale per estendere la trave di legno è la spinta della lama. A ciascuna estremità del raggio da unire, metà del volume del raggio viene rimosso. Le due estremità sono premute e incollate e / o avvitate. Sotto-specie come il Gerberstoß possono avere recessi smussati, che producono una maggiore stabilità dal loro corso verticale. La spinta della lama assorbe bene il carico del cuscinetto e le forze di compressione, ma presenta punti deboli in tutti gli altri effetti di forza.

2. Lama del gancio diritta

Quando si fissano con una lama a gancio diritto, le rispettive estremità del raggio sono rastremate a due diverse profondità. La doppia compensazione e ai bordi esterni del ringiovanimento inferiore del fascio forma un "gancio" che si inserisce reciprocamente. Le specie avanzate possono essere associate al doppio "aggancio" per quadruplo spostamento verticale dei coni. La lama del gancio forma un'estensione resistente alla tensione e alla pressione di travi in ​​legno.

Spinta del 3° pin

La spinta del perno consiste in un'estremità del raggio di una scanalatura centrale come un perno e una contro-tacca all'estremità opposta della trave. Una scanalatura dritta viene inserita nella tacca. Le sottospecie possono essere implementate con forme di tenone e notch verticali. Il perno a coda di rondine simmetrico e doppio verticale è la spinta pin più elaborata e stabile. Oltre alla resistenza alla compressione, questo composto offre soprattutto la resistenza contro le forze di spinta e trazione laterali.

4. Tocca kick foglia

La spinta del diaframma è una combinazione di spinta della lama e del perno. Il cono è fornito all'estremità della barra con una scanalatura sull'intestazione. Di fronte a un inserto slot serve per connettersi. In particolare, quando si montano travi in ​​legno con funzioni di supporto per tetti o soffitti, questo tipo di connessione più stabile dovrebbe essere implementato professionalmente. La loro stabilità include anche torsioni e torsioni da tutte le direzioni.

Estendi solo con legno sano

Per evitare di creare una vulnerabilità statica estendendo una trave, solo il legno sano dovrebbe essere risparmiato dalla rimozione durante il lavoro. Il legno fragile, scheggiato o altrimenti danneggiato porta alla stabilità limitata di ciascuno e anche all'estensione eseguita professionalmente quando collega i fasci di legno.

Consigli e trucchi

Se usi tecniche di connessione professionali, è possibile fare a meno delle viti.

Scheda Video: SLITTA per RINFORZARE GIUNZIONI al banco sega | Dime e JIG #2