Le classi di protezione antifurto


I tentativi di effrazione e irruzione sono praticamente sempre via finestre e porte. Per determinare e confrontare quali finestre antieffrazione, porte e altri componenti hanno, ci sono quindi classi standardizzate. Maggiori informazioni su questo in questo post.

Test standard DIN EN 1627

Lo standard di prova valido a livello europeo DIN EN 1627 specifica - oltre ai metodi di prova - anche un numero di classi antiscasso. Lo standard si basa sul comportamento tipico di alcuni gruppi antifurto e specifica un certo periodo di resistenza che alcuni componenti devono opporsi a tali tentativi di effrazione.

Validità dello standard

In sostanza, le classi trovano applicazioni per tutte le porte e finestre (comprese le porte del patio, le cosiddette finestre francesi). Sono anche usati per:

  • facciate continue
  • Elementi di griglia e
  • dichiarazioni

Le stesse classi di resistenza si applicano anche alle tapparelle.

classificazione

classe di resistenzadescrizione
RC 1Nprotezione di base limitata e bassa, solo vandalismo
RC 2 NVetro standard, 3 minuti di resistenza contro utensili semplici
RC 2come RC 2 N, solo con vetri di sicurezza (EN 356), da qui anche per tutte le classi successive
RC 35 minuti di protezione contro il piede di mucca e strumenti simili
RC 4Protezione di 10 minuti contro scalpelli, martello e scalpello, cacciavite a batteria
RC 515 minuti di protezione contro gli utensili elettrici (trapano, seghetto alternativo, flex)
RC 6Protezione di 20 minuti contro potenti utensili elettrici e attacco diretto alla vetratura

profili di reato

Le classi di resistenza sono state create direttamente in base al diverso approccio dei gruppi di criminali. Le classificazioni si basano sui colpevoli come segue:

  • La classe di resistenza RC 2 protegge da trasgressori occasionali
  • La classe di resistenza RC 3 protegge dai trasgressori abituali
  • A partire dalla classe di resistenza 4, viene fornita anche protezione contro i perpetratori esperti

Dal momento che molti furti in Germania vengono trasferiti sul conto di gruppi di lavoro professionalmente, è consigliabile scegliere un livello di protezione corrispondentemente elevato. Ciò è particolarmente vero per porte e finestre facilmente accessibili ed esternamente isolate.

Protezione della vetratura

Soprattutto con le finestre, la protezione della vetratura è ovviamente altrettanto importante. DIN EN 356 indica quanto bene il vetro della finestra resiste agli attacchi. Questo vetro antieffrazione è solitamente costituito da una miscela di vetro e plastica.

Le classi da P1A a P5A proteggono dal lancio (una palla di 4.11 kg colpisce il vetro da 1.5 m - 9 m di altezza almeno tre volte senza rottura del vetro).

D'altra parte, le classi da P6B a P8B forniscono anche protezione contro i colpi assiali diretti contro il vetro (il vetro deve sopravvivere tra 30 e 70 colpi).

Consigli e trucchi

Assicurati sempre non solo di proteggere finestre e porte, ma di realizzare una protezione antifurto davvero completa, che include un sistema di allarme e un comportamento mirato di protezione antifurto.


Scheda Video: Come sono le protezioni delle finestre di un ottimo antifurto ?