Fornello a induzione - esiste il rischio di esposizione alle radiazioni?


Molti evitano l'induzione a causa di potenziali radiazioni e rischi per la salute. Se questo rischio è effettivamente presente e quali pericoli possono esistere in quali condizioni, lo scoprirai in dettaglio in questo post.

potenziale pericolo

Le cucine ad induzione funzionano con forti campi elettromagnetici alternati per riscaldare il cibo nel piatto. Sono questi campi magnetici molto forti che causano molti disagi, poiché potrebbero essere pericolosi per la salute.

Ci sono diverse affermazioni tecniche su questo, devi anche distinguere tra campi magnetici statici e cosiddetti "pulsati" (cioè campi di corrente alternata, come nel caso di un fornello a induzione).

rimozione

Fondamentalmente, i campi magnetici diminuiscono fortemente con l'aumentare della distanza. Più ti avvicini alla fonte magnetica, più basso è il pericolo. Per inciso, questo vale anche per i cavi ad alta tensione, ad esempio per le cuffie, in cui sono installati anche magneti potenti, nonché nei tomografi a risonanza magnetica

limiti

Fondamentalmente, per le persone sane senza pacemaker o impianti medici in Germania, un limite di 40 mT, (milli-Tesla) si applica se l'intero corpo dell'effetto del campo magnetico viene esposto in modo uniforme. Tuttavia, questo si applica solo ai magneti statici, non ai campi magnetici pulsati.

Per i pazienti con pacemaker cardiaco o alcuni impianti medici, tuttavia, si applicano valori significativamente inferiori, in particolare nel caso di campi magnetici pulsati. In Germania e in Europa, i pacemaker e gli impianti medici devono essere protetti (EN 45502-2) in modo che funzionino indisturbati fino a un carico di 1 mT.

Campi magnetici al fornello a induzione

Grazie alla sua funzionalità, il fornello a induzione emette anche un campo magnetico. In uno studio dell'Ufficio federale della sanità pubblica in Svizzera, le correnti che si verificano sono state misurate in funzionamento regolare e nel 2010 sono stati determinati i seguenti valori di riferimento:

  • Distanza di 30 cm dal bordo anteriore del dispositivo: 6,25 μT (ovvero milionesimo di un tesla)
  • Distanza di 1 cm dal bordo anteriore del dispositivo fino a 10 μT
  • I lati e il retro del dispositivo generano fino a 26 μT
  • sopra il piano cottura direttamente accanto alla pentola: fino a 84 μT

Uso improprio

Se i vasi sono troppo piccoli o non uniformi o non adatti, possono verificarsi campi vaganti parzialmente più forti. I dispositivi moderni di solito lo riconoscono e quindi non si accendono affatto.

Con i vecchi dispositivi senza messa a terra speciale, possono anche verificarsi correnti di dispersione quando si toccano pentole, che in casi estremi possono raggiungere fino a 200 V (ma con intensità di corrente molto bassa). I dispositivi moderni non provocano più formicolio sul dorso della mano poiché la tensione è di massimo 30 V.

raccomandazioni

Come regola generale, è necessario mantenere una distanza di almeno 5 cm da un piano di cottura a induzione: le persone con pacemaker cardiaco e alcuni impianti medici dovrebbero, come raccomandato, tenere una distanza di almeno 40 cm dal fornello a induzione. Naturalmente, devono essere utilizzati solo dispositivi approvati CE con il relativo sigillo di approvazione.

Consigli e trucchi

Le radio e i televisori di solito non sono disturbati dai fornelli a induzione, ma i radiosveglia possono perdere la connessione mentre il piano di cottura è in funzione. Si ripristina facilmente dopo aver spento il piano di cottura.


Scheda Video: Il campo mangetico un pericolo invisibile dal quale proteggersi