Calcola la redditività del riscaldamento elettrico


Quanto è costoso un riscaldatore elettrico? A seconda del tipo di riscaldamento pianificato, è possibile effettuare previsioni relativamente accurate. In quali casi un riscaldamento con elettricità paga e come calcolare la redditività, lo puoi scoprire in questo post.

Bassi costi di acquisizione

I riscaldatori elettrici sono relativamente economici e hanno un costo molto basso rispetto ai sistemi di riscaldamento convenzionali. Eliminato il costo di un impianto di riscaldamento completo con caldaia e radiatori.

Anche una caldaia per una casa indipendente costa tra i 3.000 e gli 8.000 euro, a seconda del metodo di riscaldamento utilizzato. In media, è possibile stimare circa 18.000 euro per l'intero impianto di riscaldamento in una normale casa unifamiliare.

D'altra parte, se la casa fosse dotata di una normale stufa elettrica, i costi di installazione sarebbero di circa 5.500 euro.

La base di calcolo: il carico di riscaldamento standard

Esiste uno speciale metodo di calcolo per il carico di riscaldamento standard, che è specificato nella norma DIN EN 12831. Il carico di riscaldamento standard di una stanza è la quantità di energia che deve essere fornita per portare la stanza ad una certa temperatura.

Il calcolo è molto complesso e quindi può essere fatto solo da architetti o ingegneri civili. Ma fornisce anche valori numerici unici per le singole stanze. Questo è importante perché il riscaldamento elettrico è pianificato come riscaldamento di una stanza singola.

In alcuni casi, tuttavia, il calcolo, il cui risultato è espresso direttamente in watt, fornisce valori leggermente sovradimensionati.

riscaldatori diretti

Il riscaldamento diretto converte l'elettricità direttamente in calore. Il calore generato viene poi rilasciato tramite una ventola alla stanza e riscalda l'aria lì. Questo è un modo molto inefficiente, in quanto l'aria si raffredda ancora e ancora e l'attrezzatura deve quindi essere costantemente in funzione.

Il consumo energetico è quindi facile da calcolare: un termoventilatore con una capacità di 2.000 W (ovvero 2 kW), che funziona per un'ora, consuma 2 kWh.

Al prezzo corrente dell'elettricità che è di circa 60 centesimi all'ora o 14,40 euro al giorno. Mensilmente questo costerebbe un riscaldatore in funzionamento continuo già a circa 400 EUR.

Tale tecnologia di riscaldamento è redditizia nel minor numero di casi.

riscaldamento a raggi infrarossi

Se un riscaldatore a infrarossi paga, è più difficile da determinare. Molte soluzioni di riscaldamento complete sono controllate da un termostato, pertanto la potenza nominale di ciascun modulo non può essere utilizzata per calcolare il consumo di energia.

Tuttavia, un test pratico condotto dal TU Kaiserslautern con due identiche case a schiera ha dimostrato che anche con un vecchio edificio poco isolato, il riscaldamento a infrarossi consuma circa 2,5 volte meno energia rispetto a un moderno sistema di riscaldamento a gas con tecnologia a condensazione.

Il consumo annuo di energia calcolato (l'esperimento si è svolto per un'intera stagione di riscaldamento) era di circa 70 kWh per m² per il riscaldamento a infrarossi, mentre il riscaldamento a gas nella identica casa semi-indipendente consumava circa 200 kWh / m².

Poiché questi valori provengono da un vecchio edificio con solo una piccola quantità di isolamento, i prezzi del metro quadro per i costi di riscaldamento per edifici ristrutturati a efficienza energetica possono certamente essere un po 'più bassi. Per una casa unifamiliare media, il costo di acquisto degli apparecchi di riscaldamento a infrarossi sarà compreso tra 5.000 e 8.000 EUR.

L'unico problema qui è il prezzo dell'elettricità: a circa 30 centesimi per kWh, i costi di riscaldamento annuali per una casa di 120 m² sono circa 2.500 euro.

Con un prezzo del gas di circa 6,5 ​​centesimi per kWh, il costo annuale totale sarebbe di 1.500 EUR all'anno più la manutenzione e costi iniziali più elevati.


Scheda Video: Impianto Fotovoltaico con Batteria: Come Funziona?