Regolamentazioni EnEV per il tetto


L'EnEV nella versione attuale (EnEV 2014) prevede specifiche rigorose per l'isolamento dei tetti e la domanda di energia primaria degli edifici. Nell'isolamento del tetto è abbastanza da considerare. Ciò che è importante e ciò che nei singoli casi è una linea guida, ti dice questo post.

Tipi di isolamento ammessi nella zona del tetto

L'EnEV prevede fondamentalmente tre diversi tipi di isolamento del tetto:

  • trave
  • Isolamento tra le travi
  • Sotto l'isolamento del travetto e il
  • Isolamento per tetti piani per tetti piani

Isolamento del soffitto superiore

Per i solai non riscaldati, l'isolamento del soffitto del piano superiore è sufficiente se viene eseguito professionalmente e i ponti termici devono essere evitati a tutti i costi. Un isolamento di tutte le cavità esistenti appartiene anche a un isolamento eseguito professionalmente.

Regolamentazioni EnEV per il tetto: tetto

Un ulteriore isolamento del tetto non è necessario nemmeno nei solai non riscaldati, ma è comunque dannoso per motivi di fisica dell'edificio, perché lo spazio del tetto non riscaldato è reso ermetico. In molti casi ciò può causare condensa e danni alla capriata del tetto.

Valori richiesti

L'EnEV 2014 richiede un coefficiente di trasferimento del calore non superiore a 0,24 W / (m²K) per il tetto. Questo vale per l'isolamento del solaio anche per la soletta del piano superiore.

Per l'isolamento del tetto piano, tuttavia, è necessario rispettare un valore di 0,20 W / (m²K). In pratica, potrebbero essere ricercati valori anche più bassi per l'impronta energetica complessiva dell'edificio, ma nella maggior parte dei casi ciò sarà sufficiente.

Dämmpflicht

L'obbligo di isolare il tetto, secondo l'EnEV, esiste sempre quando più del 10% della superficie del componente viene ripristinato o riparato. In questo caso, se la copertura viene rinnovata o altri componenti vengono riparati sul tetto, deve anche essere isolato.

Altri componenti che sono degni di nota in questo contesto sono i seguenti:

  • stecche
  • involucro
  • sigillo
  • abbigliamento esterno
  • rivestimento esterno

Eccezioni al requisito di isolamento

Un'eccezione alla regola del 10% si applica ai tetti delle case costruite dopo il 1983, che rispettano la legislazione vigente in materia di energia. In questo caso, non vi è alcun obbligo di isolamento del tetto con interventi di ammodernamento minori. Significativo è un isolamento, ma ovviamente.

Eccezione per vecchi edifici

In linea di principio, l'EnEV prevede una deroga ai paragrafi 24 e 25. In un caso questo è quando l'aspetto sarebbe gravemente e irragionevolmente compromesso (potrebbe essere il caso per gli edifici elencati) o se, come nel § 25, una redditività non esisterebbe, o un "disagio irragionevole" si presenterebbe.

In questi casi, tuttavia, è necessario presentare una richiesta di esenzione dai requisiti dell'EnEV. Anche con gli edifici elencati, i requisiti di EnEV non sono automaticamente obsoleti.

La tenuta all'aria è necessaria

Come con tutti gli altri componenti, l'EnEV richiede che il tetto sia assolutamente a tenuta d'aria. Inoltre, non possono essere presenti ponti termici. Tutti i punti in cui questo potrebbe essere il caso sono conformi al a.a.R.d.T. (regole tecnologiche generalmente accettate, come le norme DIN).


Scheda Video: ThermCAD - Il CAD tedesco di analisi dei ponti termici