Suggerimenti e trucchi per il collegamento di fogli a doppia pelle

I fogli a doppia pelle sono utilizzati in particolare per coperture e progetti simili. Ciò si traduce in caratteristiche speciali quando si collegano fogli a doppia parete. Qui di seguito troverai molti consigli e informazioni su come collegare preferibilmente fogli a doppia pelle.

Questo consiste di fogli a doppia parete

I fogli a doppia parete, detti anche fogli a parete cava, sono fogli di plastica che possono essere realizzati con i seguenti materiali:

  • Polimetilmetacrilato (PMMA, vetro acrilico o colloquialmente plexiglas)
  • Policarbonato (PC, colloquialmente anche Makrolon)
  • Cloruro di polivinile (PVC)

differenze

I fogli a doppia pelle di altissima qualità sono realizzati in vetro acrilico, seguito dal policarbonato. I fogli in PVC a doppia pelle sono più nel settore a basso costo, ma non hanno le eccellenti proprietà delle altre due materie plastiche. Pertanto, sono piuttosto trascurabili.

struttura

Nel caso di fogli a doppia pelle, si tratta in linea di principio di due fogli di plastica, che sono collegati l'uno all'altro tramite ragnatele dello stesso materiale. L'altezza delle tele determina lo spessore delle piastre web. I fogli a parete doppia possono essere collegati in modo diverso alla sottostruttura:

  • bastone
  • giaceva liberamente
  • vite

Considerare proprietà termiche speciali durante l'installazione

Come un incollaggio del tetto è piuttosto inadatto. I pannelli traslucidi si espandono relativamente in estate a causa delle loro particolari proprietà termiche o si contraggono di conseguenza in inverno. Per metro deve essere previsto con 5 mm. Le piastre possono essere impedite dall'espansione su entrambi i lati (lati anteriori) utilizzando gli opportuni angoli di frenata. Alla connessione a muro o cresta poi non ha portato espansioni. Questi sono quindi derivati ​​dal lato della grondaia.

Colla o vite fogli a doppia pelle

Se i fogli a doppia pelle ora incollati, deve essere un adesivo molto elastico, che rende le espansioni del materiale. Pertanto, i fogli di doppio strato incollati devono essere sottoposti regolarmente a manutenzione e l'adesivo rinnovato se necessario. L'avvitamento è chiaramente l'alternativa migliore per fissare i teli a doppia pelle come una tettoia. Tuttavia, l'incollaggio e l'avvitamento hanno ancora un inconveniente comune.

Lay fogli a doppia parete liberamente nei profili

Le piastre sono praticamente collegate rigidamente alla sottostruttura. A causa delle proprietà termiche, qui c'è uno sviluppo di rumore relativamente grande. I piatti scricchiolano e si incrinano. Se vuoi anche neutralizzare in gran parte questo effetto, solo la terza variante per connettere le web plate in questione: la connessione allentata.

Requisiti per la sottostruttura

Se i pannelli devono essere collegati liberamente, la sottostruttura per la posa delle lastre a doppia parete a doppia parete deve essere prima montata e preparata di conseguenza:

  • La superficie deve riflettere il calore e conservare poco (foglio di alluminio, nastro adesivo, vernice con vernice a emulsione bianca)
  • Gli arcarecci devono avere una distanza adeguata per i profili a doppia piastra
  • la sottostruttura deve avere un gradiente minimo di 5 gradi, meglio ancora 10 gradi

Posa e installazione di profili e pannelli

Quindi i profili del piatto sono avvitati sugli arcarecci. Crea quasi un telaio laterale nel quale sono inserite le piastre. Una volta che tutti i pannelli sono stati posati, i pioli superiori vengono inseriti nei pioli inferiori. Questo risolve i piatti. Dal momento che praticamente una "U" distesa è formata nella parte superiore e inferiore interna di ciascuna è un labbro di tenuta in gomma, i fogli a doppia pelle vengono quindi sigillati. Ma poiché possono ancora muoversi, il rumore è meno severo.

Consigli e trucchi

Se si desidera posizionare da sé le proprie piastre Web, qui troverete anche un dettagliato manuale di installazione e installazione: Istruzioni per la posa di lastre a doppia parete.

Scheda Video: Samsung Galaxy Note 8: i 5 trucchi per sfruttarlo al meglio