Dimensiona un riscaldatore a parete


Il riscaldamento a parete gode di una crescente popolarità. Questa non è solo una moda passeggera. In effetti, il riscaldamento a parete offre vantaggi molto speciali. Importante è sempre il corretto dimensionamento del riscaldamento a parete. Questo dipende da vari fattori. Qui è spiegato come dimensionare un riscaldatore a parete.

Riscaldamento a parete rispetto al riscaldamento convenzionale (riscaldamento a convezione)

Uno dei principali vantaggi del riscaldamento a parete è il fatto che qui viene utilizzato il calore radiante. I riscaldatori convenzionali funzionano sul principio del calore di convezione. Cioè, l'aria deve essere riscaldata alla temperatura che si sente anche. Il calore radiante non riscalda l'aria, ma riscalda oggetti e corpi che vengono illuminati.

In una stanza con riscaldamento a convezione, l'aria della stanza deve essere di 21 gradi Celsius per essere percepita. In una stanza con riscaldamento radiante, 18 gradi sono sufficienti per raggiungere anche la sensazione di 21 gradi di calore. Considerando che l'energia aggiuntiva richiesta per ogni grado di calore aumenta del 6-7% di energia, rivela rapidamente un notevole potenziale di risparmio.

Simile al riscaldamento a pavimento

Non è nemmeno considerato che anche questo stesso calore sia percepito come confortevole. In linea di principio, il riscaldamento a parete è quindi simile a un sistema di riscaldamento a pavimento. Solo che, anche rispetto al riscaldamento a pavimento, anche il calore del riscaldamento a parete è percepito come molto più piacevole.

Il riscaldamento a parete è un riscaldamento di superficie...

Dal principio del calore radiante si può già dedurre che deve essere un sistema di riscaldamento di grandi dimensioni. In sostanza, è possibile consultare DIN EN 1264 parte 2 e DIN EN 12831 per dimensionare opportunamente un riscaldatore a parete. Tuttavia, molti fattori influenzano la produzione di calore:

  • Isolamento del muro
  • temperatura di mandata
  • Densità dei tubi di riscaldamento
  • area della finestra
  • rivestimento successivo del muro

... cosa considerare quando si dimensiona

L'isolamento del muro è un fattore fondamentale. Ciò influenza in modo significativo la temperatura di mandata richiesta. Questo, a sua volta, dovrebbe essere inferiore a 45 gradi (tra 30 e 45 gradi). In un vecchio edificio senza sufficiente isolamento termico verso l'esterno, il riscaldamento a parete è problematico perché troppo calore viene irradiato verso l'esterno. Ciò aumenta significativamente la temperatura di mandata richiesta.

Simile al riscaldamento a pavimento è anche importante il modo in cui i tubi di riscaldamento sono stati posti l'uno all'altro. Pertanto, le solite dimensioni qui aiutano a riscaldare la parete. Inoltre, sempre il muro esterno dovrebbe sempre essere fornito con il riscaldamento a parete. Altrimenti può portare a peculiarità negative come un treno freddo sui piedi.

Regola generale: dal 20 al 30 percento dello spazio abitativo per il riscaldamento a parete

Naturalmente, dato che è prevista la superficie della parete esterna, l'area delle finestre gioca un ruolo altrettanto importante. Se tutti questi fattori sono chiariti, si può assumere in condizioni normali a quelle ottimali che il riscaldamento a parete con una dimensione dal 20 al 30 percento dello spazio abitativo (della stanza interessata) debba essere dimensionato.

Consigli e trucchi

Nel frattempo, fornitori e produttori di riscaldatori murali offrono anche piccoli programmi per il calcolo. Ma per un calcolo serio anche dati come il valore U per il muro pertinente sono un fattore decisivo per il corretto dimensionamento.

Artikelbild: Ivanko80 / Shutterstock


Scheda Video: Calcolo dimensioni dei termosifoni e la potenza della caldaia