Decalcificare la lavatrice

Il calcare riduce la vita delle apparecchiature e porta ad un maggiore consumo di energia. Questo vale anche per la lavatrice, dove i depositi di calcare possono formarsi rapidamente sulle barre di riscaldamento. Come funziona la decalcificazione della lavatrice e cosa cercare è spiegato qui.

Depositi di calcare in lavatrice

La durezza dell'acqua alta porta alla cosiddetta durezza carbonatica che precipita sul riscaldamento dell'acqua e si deposita come una scala.

La durezza carbonatica scende sempre quando l'acqua viene riscaldata a più di 60° C. Questo è il caso all'interno della lavatrice.

La scala che si forma può attaccare tubi e tubi, ridurre le portate e ridurre l'efficienza degli elementi riscaldanti quando si riscalda l'acqua.

Ciò aumenta il consumo di energia, gli elementi riscaldanti possono bruciare in casi estremi. La scala indebolisce anche il materiale a cui si attacca.

In particolare, le materie plastiche sono molto a rischio. Possono rapidamente diventare fragili e fragili a causa dei depositi di calcio. Le lavatrici più vecchie possono fuoriuscire, con un acquastop più recente garantisce che ciò non avvenga.

Le linee interessate devono quindi essere sostituite e scambiate consumando.

Frequenza di decalcificazione

Quante volte dovresti decalcificare la lavatrice dipende dalla durezza dell'acqua corrente nella tua regione.

Con acqua dolce e mediamente dura, ad esempio tra 0 e 8° dH, quasi tutti i depositi sono da temere. Ecco una descalation annuale, se del caso, sufficiente in ogni caso.

Anche se esiste un sistema di acqua di servizio gestito con acqua piovana, la decalcificazione di solito non è affatto necessaria. L'acqua piovana non contiene calce.

Per acqua dura, la decalcificazione è solitamente utile ogni 2 mesi. La categoria "acqua dura" inizia a circa 14° dH e oltre.

Ma dal momento che i detersivi contengono anche i decalcificatori fin dall'inizio, vale sempre la pena di verificare in anticipo quanto sia forte la calcificazione della lavatrice. Lo puoi vedere dalle condizioni delle barre di riscaldamento.

Dopo questo test, è chiaro se e quanto il carico di calcare dell'acqua potabile influisce effettivamente sulla lavatrice.

Decalcificazione tramite detergente

Alcuni detersivi hanno anche anticalcare speciali con built-in. Il noto prodotto "Calgonit" rimuove anche la calcificazione della lavatrice in modo molto efficiente ad ogni lavaggio.

Molti altri detergenti contengono anche una quantità elevata di addolcitori. Nella maggior parte dei casi, queste sono zeoliti che si comportano come scambiatori di ioni.

Formano una struttura reticolare in cui possono immagazzinare e legare gli ioni Ca + e Mg +, rilasciando ioni Na +. La quantità di zeolite contenuta in un detergente e quanto è efficace è difficile da stimare dalle informazioni sulla confezione.

Pertanto, l'ispezione visiva degli elementi riscaldanti dovrebbe decidere in anticipo quanto spesso la lavatrice debba effettivamente essere decalcificata.

Decalcificazione con rimedi casalinghi

Stai attento con tutti i rimedi casalinghi. Gli acidi possono attaccare rapidamente piccole parti e sigilli. Pertanto, non deve essere in ogni caso sovradosato.

I rimedi domestici più provati sono l'essenza dell'aceto e l'acido citrico. Entrambi sono acidi molto forti. Per una macchina con un tamburo di lavaggio di dimensioni normali (4,5 kg), di solito viene utilizzata una tazza di essenza di aceto (200 ml) o sette o otto cucchiai di granulato di acido citrico.

L'acido dovrebbe essere aggiunto il più direttamente possibile al tamburo. Quando si riempie il contenitore del detersivo c'è il rischio che l'acido forte possa attaccare parti della lavatrice e, in particolare, la plastica allo stato non diluito.

Fare attenzione alla quantità di acqua: se la lavatrice ha un pulsante di risparmio idrico, non deve essere premuto durante il processo di decalcificazione. La minore quantità di acqua utilizzata rende l'acido troppo concentrato e può danneggiare le parti all'interno della lavatrice.

Dopo aver aggiunto l'acido al cestello, la lavatrice dovrebbe quindi girare a 60° senza ulteriore programma di prelavaggio. L'aceto di solito evapora poco dopo il processo di decalcificazione.

Aceto nello scomparto del detersivo

È meno consigliabile aggiungere l'aceto al comparto del detersivo durante il normale lavaggio. In combinazione con il liquido di lavaggio, possono verificarsi varie reazioni chimiche che potrebbero non essere desiderabili.

Anche se il "ammorbidimento" dei tessuti porta a colori più brillanti, ma preoccupato che un buon detergente da solo. Rimuovendo il calcare dalle fibre, i colori della biancheria diventano di nuovo radiosi.

compresse decalcificanti

Più sicuri dei rimedi casalinghi sono prodotti finiti per disincrostare la lavatrice. Contengono informazioni di dosaggio esatte e sono costituiti da materiali che non possono attaccare sigilli o piccole parti all'interno della lavatrice.

Di solito sono disponibili sotto forma di tablet. Si può anche dare senza esitazione nello scomparto del detersivo.

Consigli e trucchi

L'elevata quantità di addolcitori nel detersivo rende anche il liquido di lavaggio molto adatto alla rimozione di saponi calcarei e calcare in bagno. L'acqua tiepida con una buona quantità di detersivo sciolto in essa rimuove facilmente tutti i calcare e residui di calcare e calce di accessori, pareti doccia e piastrelle.

Scheda Video: Eliminare in modo naturale il calcare dalla lavatrice.